Dopo il successo di “Conan”, la band ha una nuova missione: farci sognare con una ballad potente ed evocativa in cui atmosfere sospese e rarefatte si mixano in modo naturale a sonorità elettroniche e synth pop.

L’8 Aprile 2022, è uscito “Apollo 13”, il nuovo lavoro del trio di artisti romani, gli “80RAM ”: un mix di malinconia ed euforia, che ci riporta nel 1970, a più di 400.00 km dalla Terra. Apollo 13 si presta a raccontare metaforicamente il ciclo di vita di molte relazioni umane: grandi aspettative, a volte confermate, a volte smentite, un viaggio esistenziale dall’esito incerto, fatto di imprevisti, gioie immense e buchi neri lungo il percorso, proprio come l’ambiziosa missione che dà il titolo al brano. Apollo 13 racconta di questa eroica traversata e di come si sentano i protagonisti: quasi delusi ed esausti del mondo che stanno lasciando dietro le loro spalle e che cade a pezzi, speranzosi di poter trovare un futuro migliore ad attenderli, dove sia possibile tornare a vivere, non solo sopravvivere. Gli 80RAM nascono a Roma nella primavera del 2020: Maurizio (voce), Riccardo (samplepad) e Andrea (synth), influenzati da artisti come The Weeknd, Depeche Mode, Franco Battiato e Paul Kalkbrenner, danno vita ad un mix tra elettro e synthwave, pop d’oltreoceano e testi in italiano. Gli 80RAM si appassionano a raccontarsi sul palco regalando al pubblico lo stesso entusiasmo delle miliardi di persone che seguirono la missione: il conto alla rovescia, l’accensione degli strumenti, una copiosa nuvola di fumo sino ad arrivare ai fragorosi applausi finali. Con questo brano prodotto dalla Solo Records infatti, gli 80RAM stanno proseguendo il loro viaggio. Destinazione? Un tour di serate live nei migliori locali della movida romana ed una serie di ospitate radio e tv. Continuate a seguirli sui social per scoprire la prossime date e le news in arrivo! 

Link utili: 

https://spoti.fi/3u1CtEb

https://bit.ly/3uR7zNX

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.