Nel brano “Julie Cooper”, Rosaspina, racconta le molestie sessuali subite per un periodo di tempo dal proprio datore di lavoro con cui lavorava.                                                                                         

“Julie Cooper” è una piacente donna matura, moglie e madre, vogliosa delle attenzioni di ragazzi molto più giovani di lei che trasforma nei suoi toy-boys. Il fascino pericoloso di una donna che sfrutta la sua posizione per soddisfare i propri istinti sessuali.

«Questo testo parla di catene strette e compromettenti dalle quali però sono riuscito a liberarmi nonostante le minacce…».

Il videoclip è da oggi disponibile in anteprima nazionale su All Music Italia e da domani sul canale YouTube dell’artista. Il singolo è pubblicato dall’etichetta Terzo Millennio Records.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.